Come ti possiamo aiutare?

Il Comitato degli Italiani all’Estero è a disposizione per offrire ascolto, informazioni e orientamento a tutti i connazionali che necessitino di aiuto.
Contattaci, saremo felici di risponderti.

Giornata Internazionale dei diritti delle donne – scambio con Elena Rossi

Giornata Internazionale dei diritti delle donne

L’8 marzo è la Giornata Internazionale dei diritti delle donne. Il Comites coglie questa occasione di riflessione collettiva sullo spazio sociale delle donne per parlare con la Professoressa Elena Rossi Gallo, presidente dell’Associazione DIRE (Donne Italiane Rete Estera), che a Parigi riunisce donne di vari settori per una rete aggregativa, culturale e professionale.

Professoressa Rossi, l’associazione che presiede è una associazione prettamente femminile. Potrebbe raccontarci meglio la missione specifica del DIRE?

E.R.: La nostra associazione ha quasi vent’anni, e la sua vitalità sta nel clima di accoglienza e nello scambio amicale tra donne di formazione, professione, età, esperienze di vita molto diverse.

Talvolta noi stesse ci interroghiamo se abbia senso, oggi, un’associazione femminile, ma è la nostra peculiarità, e la pluralità delle nostre esperienze ci permette di interagire con le numerose altre associazioni professionali presenti sul territorio (medici, psicologi, ingegneri ecc.), di cui spesso molte di noi fanno già parte. E può capitare che a capo di queste associazioni ci siano altre donne, una per tutte Alumni Polimi.

Oggi è la Giornata internazionale dei diritti delle donne, perché celebrarla ancora in Francia nel 2024?

E. R. : È una giornata da celebrare, perché ci ricorda che le donne, tutte insieme, hanno lottato e hanno ottenuto risultati molto significativi, ma ci allerta anche a non abbassare la guardia, a restare vigili, perché i diritti acquisiti vanno custoditi e difesi, sempre.

La nostra società sembrerebbe molto evoluta, mai come oggi le donne ricoprono ruoli apicali in ogni ambito politico, sociale e professionale, eppure il numero dei femminicidi e delle violenze, spaventoso e altissimo, non scende. C’è ancora moltissimo da fare!

Vi invitiamo a consultare la mappa interattiva della associazioni del Comites e la nostra Agenda regolarmente per poter conoscere le date dei loro prossimi eventi.